Agopuntura

 

Si tratta di una tecnica terapeutica antica almeno 5000 anni, che affonda le sue origini nella Medicina Tradizionale Cinese. Tale procedura si basa sull’infissione, attraverso la cute, di sottilissimi aghi metallici in punti specifici del corpo. Il suo impiego non è limitato alla terapia del dolore, ma ad uno svariato numero di patologie. Secondo la medicina orientale, lo stato di benessere deriva da un equilibrio dinamico tra due forze opposte della natura, lo Yin e lo Yang; il disequilibrio tra queste due entità determina l’insorgenza di malattie che si manifestano come un’alterazione in eccesso o in difetto dei flussi di energia dell’organismo.

Ad ogni organo interno corrisponde un meridiano e un flusso energetico il cui alterato equilibro comporta una iper o ipo funzione dell’organo.

 

L’agopuntura, secondo questa antica dottrina, ha la possibilità di ripristinare un flusso adeguato lungo il meridiano interessato dalla disfunzione attraverso la puntura di specifici punti sulla cute disposti lungo il suo decorso o al suo incrocio con altri meridiani.

 

Indicazioni dell’Agopuntura

 

Patologie osteo-articolari e reumatologiche:
Artrosi della colonna vertebrale, discopatie ed ernie discali, cervicali e lombari, cervico-brachialgie, lombalgie, lombosciatalgia, lombocruralgia, spondilolistesi, artrosi dell’articolazione temporo-mandibolare, periartite scapolo-omerale, epicondilite, rizartrosi del pollice, artralgie della mano, sindrome del tunnel carpale (fase iniziale), algie dell’art. sacro-iliaca, periartrite dell’anca, coxartrosi, gonartrosi, talalgia plantare, metatarsalgie, contratture muscolari distrettuali, tendiniti, sindrome fibromialgica, distorsioni articolari.

Patologie neurologiche:
Cefalea vascolare (emicrania), cefalea tensiva, cefalea “a grappolo”, nevralgia del trigemino, paralisi del n. facciale “a frigore”, paresi e paralisi degli arti (esiti di ictus o post-traumatici), polinevriti, nella riabilitazione neurologica post-ictus, Herpes Zoster.

Patologie gastroenterologiche:
Gastrite, spasmo esofageo, ernia iatale, epigastralgie funzionali, dispepsia, stipsi, colon irritabile, tenesmo, crisi emorroidarie.

Patologie ostetrico-ginecologiche:
Irregolarità del ciclo e del flusso mestruale, amenorrea, dismenorrea, sindrome premestruale, sindrome climaterica, infertilità, supporto alla procreazione medicalmente assistita (FIVET).

Patologie andrologiche:
Impotenza, eiaculazione precoce, astenospermia e oligospermia (alterazioni del liquido seminale dell’uomo).

Patologie psichiatriche:         
Stati d’ansia, forme depressive minori, attacchi di panico, insonnia.

Manifestazioni allergiche:
Oculorinite ed asma allergiche, orticaria, dermatite allergica, rush cutanei.

Patologie dermatologiche:
Acne, dermatiti.

Patologie otorinolaringoiatriche:
Sinusite, rinite vasomotoria, faringite cronica, disfonia, vertigini, anosmia.

Patologie urologiche:
Vescica instabile, cistiti recidivanti, disuria, enuresi notturna, incontinenza urinaria.

Patologie pneumologiche:
Asma, tosse. 

Patologie cardiocircolatorie:
Nevrosi cardiaca, palpitazioni, aritmia, ipertensione.

Tabagismo:
Riduce la sindrome da astinenza dalla nicotina.

Dimagrimento:
Aiuta ad accelerare il metabolismo e riduce lo stimolo della fame.

 

Come Avviene la Visita?

Il medico agopuntore chiederà informazioni riguardo le malattie delle quali avete sofferto personalmente e le malattie dei vostri familiari, le vostre abitudini di vita e il motivo per il quale vi siete rivolti a uno specialista. Vi verrà richiesto di portare i risultati degli esami di laboratorio o di effettuare ulteriori indagini diagnostiche, in quanto, il medico agopuntore è anche un medico occidentale ed utilizza ambedue le medicine prendendo il meglio da entrambe.

Il colloquio, che richiederà un’ora circa, sarà minuzioso e verterà su: qual è lo stato d’animo prevalente, la presenza di dolori, la qualità del sonno, i sogni, la predilezione per un sapore o l’avversione per un altro, la digestione, la relazione con il clima, la qualità del sonno, i problemi urinari e/o mestruali, l’eventuale sudorazione eccessiva e/o la freddolosità e molto altro ancora.

 

Quante sedute occorrono?

Dipende dalla patologia, comunque in media si esegue un ciclo di dieci sedute

Compila il seguente form per richiedere un incontro.